Rosita, la prima mucca che produce latte umano

 

Rosita, la prima mucca che produce latte umano

Rosita ce l’ha fatta: la prima mucca geneticamente modificata con l’obiettivo di produrre latte umano, ha raggiunto l’obiettivo per il quale è stata creata. Lo hanno reso noto in un comunicato i ricercatori dell’Università Nazionale di San Martin (Unsam) e dell’Istituto Nazionale di Tecnologia Agrozootecnica (Inta). La capacità di produrre latte simile a quello materno dipende, hanno spiegato gli scienziati argentini responsabili del progetto, da “due geni umani che producono la lattoferrina e la lisozima in un solo sito del genoma bovino, affinchè si esprimessero solo nella glandola mammaria”. Come sottolineato dal Buenos Aires, Rosita è il primo bovino “doppiamente transgenico” del mondo. Perché l’animale è frutto di una clonazione. E perché il suo corredo genetico è stato modificato. L’obiettivo, ha spiegato il ricercatore German Kaiser, del gruppo di biotecnologia della riproduzione dell’Inta, non è “sostituire il legame madre-figlio durante l’allattamento”. IL traguardo da raggiungere è un altro, molto più nobile. Il latte di Rosita potrà essere “destinato ai neonati che, per i più diversi motivi, non hanno accesso a quello delle madri”.

Fonte:accademiakronos.it