NEUROMED CONTINUA A CRESCERE , POSA DELLA PRIMA PIETRA DELLA NUOVA STRUTTURA

 

NE     NEUROMED CONTINUA A CRESCERE, POSA DELLA PRIMA PIETRA DELLA NUOVA STRUTTURA

 

L’IRCCS Neuromed, da oltre 30 anni sinonimo di ricerca e servizi clinico-Sanitari altamente qualificati nel settore delle Neuroscienze, continua ad investire in infrastrutture ed in capitale umano.

L’IRCCS Neuromed amplia la clinica mediante la realizzazione di una nuova struttura, connessa a quella esistente, con un nuovo corpo edilizio che coprirà una superficie di circa 11000mq e ospiterà nuovi dipartimenti e servizi clinici. L’investimento potrà favorire non solo un notevole incremento delle attività del Neuromed, ma anche un innalzamento qualitativo in termini di innovazione  tecnologica e ricerca scientifica, nonché di funzionalità logistica e di accessibilità. L’investimento si inserisce nel più ampio contesto del contratto di sviluppo “Hospital and Health Services – Servizi avanzati di diagnostica e oncogenomica”, presentato al Ministero dello Sviluppo Economico in partenariato con altre strutture ospedaliere presenti in Campania efinalizzato alla realizzazione di un programma di sviluppo industriale fondato sulla creazione di una rete interregionale di eccellenza. L’Istituto NEUROMED, soggetto proponente, intende realizzare un progetto di investimenti integrati mirati a potenziare la propria attività di servizi avanzati nel settore biomedico sanitario, valorizzare i risultati della ricerca

 scientifica nel comparto delle neuroscienze attraverso azioni di sviluppo sperimentale per lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi di interesse per il mercato, favorire l’organizzazione di prestazioni ad alto valore aggiunto ed elevato contenuto di innovazione e contribuire allo sviluppo di nuovi servizi legati alla oncogenomica. Tale progetto sarà realizzato, in primis, tramite l’ampliamento della struttura ospedaliera ma anche e soprattutto attraverso l’acquisizione di attrezzature all’avanguardia. L’ampliamento dell’offerta sanitaria tramite l’attivazione di ambulatori e centri ad alta specializzazione prevede, fra gli altri, l’apertura di un Centro per la medicina del sonno, un Centro per lo studio e la cura del piede diabetico, un Centro sul coma ed un Laboratorio di Analisi Biomeccanica Multifattoriale. Sarà altresì ampliato il blocco operatorio, anche con la creazione di sale “ibride” innovative, mediante l’utilizzo di tecniche di imaging intraoperatorie. Il nuovo intervento rispetterà i criteri ambientali e paesaggistici e si avvarrà di materiali ecosostenibili e di impianti innovativi. Un impianto di trigenerazione di ultima generazione permetterà notevoli risparmi energetici e i nuovi sistemi costruttivi che saranno adottati garantiranno elevati standard in termini di isolamento acustico, termico, di eco biocompatibilità, di antisismicità e di impatto ambientale, tramite materiali riciclabili che favoriranno la riduzione dell’inquinamento ed il risparmio energetico. La creazione del nuovo plesso clinico, che consentirà un’ulteriore specializzazione nel trattamento delle malattie neurologiche, comporterà inoltre la prefigurazione di nuovi scenari occupazionali tali da garantire un aumento dei posti di lavoro nel settore, in particolare in quello medico, paramedico, assistenziale, manutentivo ed in quello dei servizi di assistenza ai pazienti. Partendo da siffatte premesse, il Neuromed investirà le proprie risorse (umane, economiche e tecnologiche) nella combinazione tra natura e tecnologia per favorire il benessere della persona in un’ottica di completezza, che non consideri solo gli aspetti psico-fisici, ma anche di contesto, ambientali e sociali. Si tratta di obiettivi strategici senz’altro ambiziosi, ma che si fondano su azioni ed interventi progettuali in corso di definizione o già avviati ed i cui risultati nei prossimi anni potranno consentire all’Istituto di poter ulteriormente consolidare il proprio contributo in termini di valore aggiunto non solo nell’ambito della rete nazionale degli IRCCS, ma di tutte le infrastrutture strategiche nazionali ed europee attive nel settore delle neuroscienze.