Mangiare poco allunga la vita?

 

Se mangi di meno allunghi la vita?

 

Gli scienziati hanno condotto un esperimento secondo il quale ridurre del 30% l’apporto calorico giornaliero, ma rispettando una dieta  equilibrata, non allunga la vita. L’esperimento è stato condotto su scimmie Rhesus . La ricerca, del National Institute on Aging (NIA) presso il National Institutes of Health è stata pubblicata su Nature. La prima ricerca su questo argomento risale al 1930, quando ricercatori hanno osservato che ratti e topi di laboratorio hanno vissuto fino al 40 per cento più a lungo se alimentati con una dieta ipocalorica. Altre ricerche avevano confermato il risultato su i lieviti, vermi, mosche e alcuni ceppi di topi. Ma altri studi hanno dimostrato il contrario. Per esempio, in studi su alcuni ceppi di topi,  la restrizione calorica non ha avuto effetto sulla durata della vita. Alcuni di questi topi in realtà vivevano di meno quando veniva loro fornita una dieta ipocalorica. Fino ad oggi, nessuna ricerca ha fornito  le 

prove che la restrizione calorica sia un regolatore di età appropriato negli esseri umani.  ttualmente pochi studi sull’uomo sono in corso per testare l’efficacia e la sicurezza della restrizione calorica nelle persone. I risultati di sopravvivenza dello studio riportato oggi dai ricercatori del NIA differiscono da quelli pubblicati nel 2009 dalla University of Wisconsin-Madison. Lo studio del Wisconsin ha seguito due gruppi di scimmie rhesus per 20 anni e ha scoperto che le scimmie con una dieta ipocalorica hanno vissuto più a lungo rispetto a quelle che hanno seguito una dieta standard. Al di là della longevità  il risultato di entrambi gli studi ha rivelato che alcune malattie legate all’età, tra cui il diabete, l’artrite, la diverticolosi e problemi cardiovascolari si sono verificate in età più precoce nelle scimmie con la dieta standard rispetto a quelle che avevano la restrizione calorica. I ricercatori hanno anche osservato che tanto prima le scimmie iniziano il regime caorico ristretto, tanto più c’è una riduzione del rischio di cancro. “Questi risultati suggeriscono la complessità di come la restrizione calorica possa influenzare il corpo”, ha detto  Richard J. Hodes del NIA “Gli effetti della restrizione calorica probabilmente dipendono da una varietà di fattori, tra cui l’ambiente, i componenti nutrizionali e la genetica.” I ricercatori ipotizzano che la differenza nel risultato possa dipendere dalla qualità del cibo con cui le scimmie venivano nutrite. Un’altra causa possibile della diversità poteva risiedere nella diversa variabilità genetica dei due gurppi di scimmie .“Il mio laboratorio e altri ricercatori stanno esaminando gli effetti della restrizione calorica in materia di metabolismo cellulare, dell’espressione genica, delle vie di segnalazione dell’insulina e di altri processi biologici di base per individuare in che modo ridurre l’apporto calorico possa attenuare le conseguenze negative dell’invecchiamento. Stiamo esaminando se alcuni composti possano essere in grado di simulare gli effetti della restrizione calorica attraverso questi meccanismi, “ha detto l’autore senior, Rafael de Cabo,  del Laboratorio NIA di Gerontologia Sperimentale.

fonte:GAIANEWS.IT