Il fenomeno dei tornado in Italia

ACCADE NEL MONDO

Tornado si abbatte su Cavenago in  Brianza

“Una rapida carrellata su eventi drammatici del passato e mappa degli ultimi tornado in Europa”

Continua il fenomeno dei tornado in Italia, un fatto anomalo se guardiamo al passato, quando eventi del genere potevano avvenire a distanza di anni. Ora invece dobbiamo registrare da novembre 2012 ad oggi tre eventi importanti, il primo quello disastroso di Taranto dove ha perso la vita una persona, poi quello del 3 maggio 2013 nel modenese e l’ultimo del 29 maggio in Brianza. Solo a maggio in Europa si sono registrati 46 tornado, 8 in Italia, di cui l’ultimo quello di Cavenago. A fine articolo potete visionare la mappa degli ultimi eventi estremi meteo realizzata da: European Severe Storms Laboratory. Il tornado o, meglio, la tromba d’aria che si è abbattuta sulla Brianza è stata classificata di forza F1, un’energia media, ma che ha comunque prodotto danni ingenti e per 

fortuna solo un paio di feriti lievi. Un altra tromba d’aria è stata rilevata nella stessa giornata a Grado, in Friuli Venezia Giulia, alle 7.10. E poi a Mirabella, nel Veneto, il 25 maggio, a Chioggia giorno precedente, a Napoli il 23 maggio, Jesi e Mirandola. Fino a quello di inizio mese a San Giorgio di Piano, in Emilia Romagna, che aveva provocato tredici feriti. L’area del triveneto e dell’alto Adriatico risulta sempre la più interessata da trombe d’aria e tornado. Il motivo è dato dalla valle Padana che trasmette all’atmosfera temperature in contrasto con quelle provenienti dai Balcani o dal nord Europa, un pò come accade, ma in maniera estremamente minore, tra il Golfo del Messico i le pianure del sud USA. Qui le temperature abbastanza elevate provenienti dal caldo mare del Golfo del Messico si scontrano con quelle più fredde provenienti dall’Alaska e dal Canada. Da questo contrasto nascono in USA i devastanti tornado. Stessa cosa, ma in piccolo, accade sul versante nord orientale della penisola.

Può capitare infatti che dall’eccessivo calore emesso dalla valle Padana si inneschino fenomeni meteo estremi, paragonabili a quelli americani. Un esempio drammatico nel nostro Paese, proprio nella zona che abbiamo preso in esame, accadde l’11 settembre del 1970. In quell’occasione ci fu un’estate molto calda e l’arrivo di correnti più fredde provenienti dal nord Europa creò un “mostro” F4 che sconvolse la laguna veneta. Fu un vero e proprio tornado che provocò 36 vittime, in particolare facendo affondare a Venezia un vaporetto e distruggendo due campeggi.

Restando in tema di grandi disastri meteo prodotti dal vento sul nostro Paese, va ricordato il fenomeno meteo estremo che nel 1851 causò in Sicilia 500 morti. In quel caso da una supercella si svilupparono due poderose trombe marine che unendosi raggiunsero il litorale in prossimità di Marsala, distruggendo case e affondando navigli.  Un altro caso drammatico fu quello del 16 Giugno 1957 quando un F4 sconvolse l’Oltrepò pavese con venti all’interno del vortice stimati oltre i 400 km/h; si contarono 6 vittime e numerosi feriti. Non molto distante e pochi anni dopo un altro tornado provocò 9 vittime tra parmense e piacentino; era il 4 Luglio 1965.

AK

G. LA MALFA