IN 10 MINUTI TROVATA L’IDEA GIUSTA.

Si é svolto  a Siena l’evento che ha fatto incontrare 16 imprese con business angel e venture capitalist
Un’opportunità alle idee del futuro,  al TLS Investment Forum 
 
TLS05
SIENA- novembre. Una manciata di minuti per convincere una platea di investitori di avere trovato “l’idea giusta”. Dieci minuti di tempo per dare futuro e concretezza a un’intuizione destinata a diventare impresa o ad aprire nuovi orizzonti a un’attività già sul mercato. Con questo spirito si è svolto  a Siena il TLS Investment Forum, la giornata d’incontro tra imprese e investitori promossa da Fondazione Toscana Life Sciences. Sedici le aziende, tutte operanti nell’ambito delle scienze della vita. Dall’ “altra parte del tavolo” gli investitori; Italian Business Angel Network (IBAN); Italian Angels for Growth (IAG); Atlante Ventures (Intesa San Paolo); TTVenture, Sofimac Partners, UniCredit, NeoMed Management, BioFund, e Principia SGR, ma anche società di consulenza e intermediazione come Deloitte, Ernest&Young, BackToWork24 e Unicasim, oltre a rappresentanti del mondo delle istituzioni e dell’imprenditoria locale e regionale.
Servizi e strumenti tecnologici per il settore chirurgico e sanitario; dispositivi medici innovativi; prodotti destinati al wellness e al mondo dello sport per tutti; nuovi farmaci biotech nel settore oncologico. Sono solo alcune delle proposte avanzate durante la giornata, con una formula semplice, ma incisiva: dieci minuti per presentare il prodotto e garantire l’efficacia del business plan e cinque minuti per rispondere alle domande e alle richieste di chiarimenti da parte degli investitori. “Nonostante la complessità di questa fase, il nostro settore sta vivendo un certo fermento – spiega Francesco Senatore, Business Development TLS – e una maggiore propensione all’imprenditorialità che abbiamo voluto cogliere e facilitare, facendo incontrare chi ha idee innovative con finanziatori in grado di sostenerne lo sviluppo. L’augurio è che da questa giornata possano nascere opportunità concrete per imprese, prodotti e servizi innovativi”.
Sul fronte dei dispositivi medici innovativi hanno presentato le loro idee e-SPress3D; ProntoPharma-EUROPE S.r.l; EgoHealth S.r.l. La prima, spin-off della Scuola Sant’Anna di Pisa, offre servizi di alto profilo tecnologico per la simulazione e l’esecuzione degli interventi chirurgici grazie all’utilizzo delle informazioni contenute nelle immagini radiologiche volumetriche. In particolare, hanno presentato guide chirurgiche per interventi di fusione spinale, progettate paziente per paziente. La lucchese ProntoPharma-EUROPE, con un solido know how tecnologico nel campo delle calzature. L’azienda, fondata dall’ex campione italiano dei 400 metri ostacoli Marco Scatena ha realizzato una linea di calzature speciali, la “MySymbos”, basata su una tecnologia brevettata che assicura il benessere del piede in soggetti diabetici e sovrappeso. La start-up EgoHealth, opera con tecnologia brevettata nel campo della bioingegneria e dell’informatica biomedica. Al TLS Investment Forum ha presentato un nuovo dispositivo per operatori sanitari che consente di abbattere la carica batterica del fonendoscopio dopo l’uso tra un paziente e l’altro.
Nel campo della nutraceutica, la disciplina che studia gli effetti benefici che alcuni alimenti possono avere per la nostra salute, hanno presentato le proprie idee SoloSale e Nunacode. La prima, azienda fiorentina che opera in diversi settori dell’HiTech per il wellness, ha presentato un nuovo principio attivo antiossidante per applicazioni cosmetiche e nutraceutiche. La start-up Nunacode, invece, si è presentata al TLS Investment Forum con NUNA Nutritional Navigator, un software di educazione alimentare per smartphone e tablet pensato per i pazienti, gli sportivi e tutte le persone interessate alla sana alimentazione. Disponibile anche in un dispositivo hardware di sorveglianza nutrizionale dei pazienti, per medici, dietisti e nutrizionisti professionali.
I modelli in-vitro oggi comunemente accettati sono forti approssimazioni della realtà fisiologica, ben lontani dalla complessità dei tessuti in-vivo. IVTech ha presentato una nuova piattaforma da utilizzare per studi in-vitro in alternativa a test su animali conciliando etica e avanguardia scientifica. Il progetto di Humygen, invece, è quello di realizzare una Contract Research Organization (CRO) specializzata nella fornitura servizi di test preclinici per case farmaceutiche. I servizi della società sono basati su una piattaforma tecnologica innovativa che utilizza un modello originale di “topo umanizzato” certificato per la validazione di nuovi composti terapeutici.
EYE Tech, azienda ad alta tecnologia che opera nel settore della sensoristica ottica per applicazioni biomediacali, ha ideato sensori di visione sviluppati sulla base di tecnologia proprietaria e brevettata da utilizzare per esami invasivi come le endoscopie, mentre Epinova biotech, azienda piemontese che sviluppa tecnologie innovative per il trattamento della pelle danneggiata, ha presentato un cerotto per la cura di ulcere e ustioni e una crema cosmetica ad effetto anti – invecchiamento.
Tre le aziende che hanno presentato nuovi prodotti biotech in ambito oncologico: la Exosomics Siena, la Galileo Research e la Externautics. L’impresa senese, nata nel 2011 come spin–off di HansaBioMed OU e incubata in TLS, ha tra i suoi fini quello di sviluppare e validare nuovi essay immunometrici per la diagnosi di tumore. La Galileo Research, invece, è focalizzata sullo sviluppo di una nuova terapia immunologica per il trattamento del tumore ovarico. L’azienda pisana si trova già nella fase di sviluppo clinico del farmaco e la presentazione agli investitori potrebbe essere un’occasione importante nel percorso verso l’immissione in commercio del prodotto. Un’altra azienda “senese”, la Externautics, sta cercando accordi di licenza con grandi società farmaceutiche per lo sviluppo industriale di alcuni anticorpi per la diagnosi e la cura dei tumori. Un ulteriore passo in avanti nella sua attività che dal 2008, anno della nascita dell’azienda come spin-off della PRIMM Srl, le ha consentito di identificare 89 marcatori tumorali e di depositare 9 domande di brevetto internazionale.
3,7 milioni di persone soffrono di gravi disabilità di comunicazione e di mobilità a causa di SLA, sclerosi multipla, distrofia muscolare, tetraplegie di natura ischemica o traumatica. BrainControl, il comunicatore ideato da Liquidweb, consente il controllo di tecnologie assistive mediante il pensiero. Basata su una tecnologia proprietaria di Brain Computer Interface (BCI), BrainControl interpreta la mappa elettrica corrispondente a determinate attività cerebrali e permette ai pazienti di controllare un comunicatore, dispositivi domotici (luci, porte, finestre, allarmi, temperatura, posizione del letto) e altre tecnologie assistive.
“Diamo spazio sanitario immediato” è il motto di Emergency Solution, la start-up che progetta e costruisce moduli sanitari attrezzati, facilmente installabili in tempi rapidi. Emergency consente di dare immediata risposta ai bisogni sanitari, anche in casi di emergenze umanitarie. ABC PharmaTech, è società fornitrice di servizi e beni rivolti all’aziende farmaceutiche, alimentari e chimiche. Tra le diverse attività, l’azienda ha presentato il sistema brevettato SpiraClean: una guaina usa e getta per protezione di tubazioni atte al trasporto di fluidi sotto i 60°C. Eliminando la fase di lavaggio, consente elevati risparmi economici, il recupero del prodotto finito contenuto nelle tubazioni e azzera i rischi di contaminazione.
Non solo start-up. Tra le aziende “affermate sul mercato, era presente al TLS Investment Forum anche la EBNeuro, uno dei principali leader mondiali nel campo della progettazione, produzione ed assistenza tecnica di strumentazione per i settori di neurologia, cardiologia, gastroenterologia e urologia.
fonte: FONDAZIONE TOSCANA LIFE SCIENCES