UTILI I REFRIGERANTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE REALIZZATI DALL’ENEA.

La partecipazione ENEA al Progetto europeo per lo sviluppo di nuove generazioni di pompe di calore a basso impatto ambientale

icona di ENEA - Video Istituzionale
L’ENEA  è uno dei partner del progetto europeo NxtHPG -“Next Heat Pump Generation working with natural fluids” – che mira alla realizzazione di nuovi prototipi di pompe di calore che utilizzano fluidi refrigeranti naturali per un minor impatto ambientale.  I partner di questo progetto sono costituiti da università, centri di ricerca, ma anche aziende leader nel settore delle pompe di calore di diversi paesi europei. Il progetto mira allo sviluppo di un sistema sicuro, affidabile e ad alta efficienza basato sull’utilizzo di pompe di calore a propano e CO2. Per discutere delle varie fasi riguardanti la progettazione e la realizzazione di cinque nuovi prototipi di pompe di calore si è recentemente tenuto il meeting annuale del progetto presso il Centro Ricerche ENEA della Casaccia.

L’ENEA è stata direttamente coinvolta nella progettazione e realizzazione dei due prototipi a CO2, il primo da 30 kW per la produzione di acqua calda sanitaria ed il secondo da 50 kW pensato per il riscaldamento degli ambienti in sostituzione  delle tradizionali caldaie a gas, abbinate ad impianti esistenti del tipo a radiatori.

L’intera campagna sperimentale dei due prototipi a CO2 si svolgerà all’interno del nuovo calorimetro realizzato dall’ENEA, appena inaugurato presso il Centro Ricerche della Casaccia, che ha dimensioni interne tali da consentire il test di pompe di calore di potenza termica prossima a 50 kW.

ENEA