Come proteggersi dagli insetti e dalle malattie che in viaggio possono colpirci?

PRONTO SALUTE:
IL MEDICO DEI VIAGGI IN LINEA PER VACANZE SICURE
Il Centro Diagnostico Italiano di Milano stila un decalogo per viaggi sicuri e attiva un servizio di consulenza telefonica gratuita per rispondere alle domande e chiarire i dubbi di chi è in partenza, per mete esotiche ma anche solo per le vacanze pasquali.

prsa05 

Ogni anno nel mondo vengono stimati 500 milioni i casi di malaria, con oltre 1 milione di morti. Il 40% della popolazione mondiale è minacciato dalla malattia mentre sono circa 10.000-30.000 i viaggiatori europei ed americani che ne vengono colpiti. 50 milioni sono invece le persone che contraggono la dengue: si tratta solo di due esempi delle gravi patologie che piccoli insetti possono trasmettere all’uomo e in particolare a chi in viaggio non è abituato a seguire le giuste precauzioni.

Per aiutare chi è in partenza per i paesi a rischio, il Centro Diagnostico Italiano attiva dal 7 aprile un servizio telefonico di consulenza medica gratuita in Medicina dei viaggi, rivolto a tutti i viaggiatori e messo a disposizione del pubblico per l’ottavo anno consecutivo. La consulenza gratuita è attivata in occasione della Giornata mondiale della salute promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dedicata quest’anno alle malattie provocate da puntura d’insetto, come zanzare, pidocchi, acari e zecche.

Al solo costo della telefonata, sette giorni su sette, dalle 17 alle 21, sino al 1 ottobre, chiamando lo 02 48317304 sarà possibile confrontarsi con uno specialista del CDI per avere tutte le informazioni necessarie per viaggiare sicuri: dall’indicazione dei documenti sanitari da portare con sé alla lista di quali alimenti consumare e quali evitare, dalla piccola farmacia da tenere in valigia alle vaccinazioni necessarie per le mete più esotiche.

Particolare attenzione, inoltre, sarà dedicata quest’anno alle malattie provocate da puntura da insetto. I viaggiatori in partenza potranno sottoporre i loro dubbi allo specialista e farsi illustrare i comportamenti a rischio e gli accorgimenti da adottare per affrontare il viaggio con serenità.

Un decalogo per la prevenzione
Ma quali precauzioni seguire per proteggersi da questi insetti e dalle patologie di cui sono portatori? Claudio Droghetti, esperto che risponde alla linea diretta e responsabile dell’Ambulatorio di medicina dei viaggi del Centro Diagnostico Italiano, consiglia: “I cardini fondamentali della prevenzione personale sono: corretta profilassi comportamentale, vaccinale e farmacologica. Una corretta profilassi comportamentale riduce il rischio di esseri punti. Essa può rappresentare, come nel caso della dengue, l’unica protezione possibile. In altri casi affianca efficacemente e completa la prevenzione vaccinale come nel caso della febbre gialla o quella farmacologica come nel caso della malaria”.

Ecco dieci semplici regole da seguire:
–      Soggiornare possibilmente in ambienti climatizzati.

–      Dotare di zanzariere porte e finestre.

–      Porre zanzariere a protezione di letti, lettini, culle.

–      Impiegare repellenti per uso topico a base di DET (Dietil-n-toluamide) o di KBR (picridina/icaridina) attenendosi scrupolosamente alle norme indicate sui foglietti illustrativi dei prodotti.

–      Evitare di utilizzare profumi.

–      Evitare di sostare in presenza di pozze d’acqua.

–      Utilizzare capi di abbigliamento di colori chiari evitando colori accesi o scuri.

–      Proteggere la pelle utilizzando indumenti a maniche lunghe e cappelli.

–      Applicare sui vestiti un repellente per insetti.

–      Utilizzare in ambienti interni apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o in piastrine.


Le malattie più comuni
Numerosi sono gli insetti che possono trasmettere patologie ospitando nel loro corpo agenti patogeni come virus, plasmodi e trasmetterli all’uomo tramite punture. Tra i più noti, le zanzare, responsabili di patologie come malaria, febbre gialla, dengue, chikungunya.
La malaria, trasmessa dalla zanzara anofele è stabilmente presente nelle fasce intertropicali dei due emisferi interessando 106 Paesi con la tipica distribuzione a macchia di leopardo. Il continente maggiormente flagellato è quello africano nelle aree sub sahariane e centrali dove prevale il Pasmodio Falciparum responsabile della quasi totalità dei casi mortali. Nel 2012 nel mondo sono stati stimati 207 milioni di casi di malaria con 627.000 morti di cui il 90% in Africa sub sahariana.
La febbre gialla ha invece un’incidenza imprecisata in quanto questa patologia ha un decorso subclinico nella maggior parte dei casi o non viene segnalata. Le stime dell’Oms propendono per circa 200.000 casi all’anno nel continente africano e 150-200 casi in Amazzonia.
Per la dengue, altra malattia trasmessa dalla zanzara Aedes Aegypti, l’OMS calcola in 50.000.000 di casi all’anno presenti in più di 100 Paesi. Negli ultimi decenni la dengue si è imposta come emergenza di sanità pubblica in America Centrale e Meridionale. Tra gennaio e giugno 2009 sono stati registrati 480909 casi di dengue con 7547 casi di febbre emorragica da dengue e 189 decessi.

Inoltre la patologia è ampiamente diffusa nel Sud est Asiatico dove, secondo l’OMS, nel 2005 sono stati riportati 179.312 casi. L’aumento della diffusione del virus è correlato all’aumento della diffusione della zanzara vettore che trova nelle grandi aree dei paesi tropicali e subtropicali un habitat adatto alla riproduzione con aree stagnanti e malsane.
La febbre chikungunya, causata dalla zanzara Albopictus, è presente in alcune parti dell’Africa, del Sud est Asiatico e del Sub Continente Indiano. A partire dal 2005 sono stati segnalati ampi focolai della malattia nell’area dell’Oceano Indiano. Nel 2007 in Emilia Romagna si sono avuti i
primi casi autoctoni della patologia.

Le zanzare non sono tuttavia i soli vettori di patologie. La mosca tze-tze trasmette i protozoi che causano la malattia del sonno o tripanosomiasi Africana.
Pidocchi, acari e zecche possono trasmettere varie forme di tifo. Le zecche, in particolare, dopo le zanzare, sono gli insetti che possono trasmettere più patologie.

Per chi viaggia per lavoro
Prosegue invece per tutto l’anno, il servizio di consulenza gratuito di Medicina dei viaggi dedicato alle Aziende: da lunedì al venerdì, dalle 16 alle 18, allo 02 48317045 lo specialista è a disposizione per fugare ogni dubbio delle società che inviano i propri dipendenti all’estero, con particolare attenzione a vaccinazioni e precauzioni da seguire.

fonte: Centro Diagnostico Italiano
Elena Gavardi