“LIBERA LA NATURA”

LIBERA LA NATURA: AL VIA LA 4° EDIZIONE

Un nuovo viaggio con i ragazzi delle scuole italiane nell’Italia liberata dalla criminalità organizzata

 libra05

 Riparte la manifestazione “Libera la Natura” organizzata dal Gruppo Sportivo del Corpo Forestale e dall’Associazione LIBERA nomi e numeri contro le mafie, grazie alla quale i ragazzi delle scuole italiane intraprendono un viaggio nell’Italia “liberata” dalle mafie.

L’iniziativa, che prenderà il via il 4 Aprile, ha come prima tappa la Toscana, in particolare  l’azienda agricola di Suvignano sita a quindici chilometri da Siena, dove gli alunni delle scuole medie, saranno coinvolti in attività sportive e di educazione ambientale.

L’8 maggio i ragazzi accompagnati dal personale del Corpo forestale dello Stato e dai campioni sportivi della Forestale sbarcheranno in Sicilia, dove saranno ospitati dalla cooperativa sociale “Beppe Montana – Libera terra”. La terza tappa, prevista per il 16 Maggio, toccherà invece la Basilicata. Qui i giovani studenti saranno ospitati dall’ex lido “ Lo squalo beach” sequestrato alla criminalità organizzata nel settembre 2011.

Prima dell’estate gli alunni arriveranno in Veneto, in particolare ad Erbé, in provincia di Verona, dove avranno la possibilità di soggiornare nella base scout Airone, realizzata su un bene confiscato alla mafia nel 1993. La tappa conclusiva di questo viaggio itinerante si terrà a settembre con un appuntamento speciale sull’Isola di Lampedusa.

In tutte le località scelte per questo giro d’Italia i ragazzi avranno la possibilità di partecipare all’ iniziativa sportiva organizzata per l’occasione e la liberazione dei terreni: una staffetta di corsa.

Lo scopo del progetto è quello di insegnare ai giovani valori come la legalità, la tutela dell’ambiente e della natura, e della cittadinanza responsabile. I ragazzi che aderiranno all’iniziativa, infatti, avranno la possibilità  di conoscere da vicino i campioni del Gruppo Sportivo Forestale, giovani che, insieme a tanti altri, hanno scelto la via pulita dello sport, l’unica strada da percorrere per sottolineare la dignità e la nobiltà della competizione a qualsiasi livello.